top of page

Aspettando il Natale…


Continuano gli incontri con gli anziani, organizzati dalla Cooperativa CapItani Coraggiosi insieme all'Associazione San Giovanni Paolo II, presso il Centro Educativo “La Contea”. Con il Natale alle porte, non si poteva non organizzare un laboratorio artistico a tema per realizzare un meraviglioso centro tavola, perfetto per decorare le case durante le festività. Per questo nuovo appuntamento, i volontari hanno pensato di coinvolgere anche i nipoti degli anziani: un’occasione semplice e divertente per passare del prezioso tempo insieme creando qualcosa di speciale e unico.



Ecco qui di seguito la testimonianza di una volontaria:

Questo sabato abbiamo deciso di organizzare un bellissimo laboratorio nonno-nipote. In vista dell’Avvento, abbiamo pensato di proporre un lavoretto a tema che consisteva in un centro tavola con le quattro candele delle quattro settimane di preparazione al Natale e impreziosito con tante diverse decorazioni. È stato bellissimo potervi partecipare e aiutare: i nonni erano emozionatissimi nel poter coinvolgere anche i loro nipotini e aiutarli, seppur con tanta pazienza, nel procedimento. A loro volta i piccoli si prodigavano nello svolgere i compiti che gli erano stati dati dai più anziani, sbizzarrendosi soprattutto con fiocchi, brillantini e pigne. Dopo un’ora molto laboriosa, ecco che compaiono i primi capolavori! Tutti diversi tra loro e tutti bellissimi!

Vedere i loro volti sorridenti però, è stata la soddisfazione più grande.

Come al termine di ogni lavoro ben fatto è il momento di una buona merenda! In questo momento abbiamo avuto modo di ascoltare Giorgio, il responsabile di questa nuova opera, spiegare i motivi di questi preziosi appuntamenti. Una frase di san Bernardo di Chiaravalle, mi è subito saltata agli occhi, forse perché riassume perfettamente questa giornata e tutte le altre passate durante il e che seguiranno: “Siamo come nani sulle spalle di giganti così che possiamo vedere più cose di loro e più lontane, non certo per l’acume della vista o l’altezza del nostro corpo, ma perché siamo sollevati e portati in alto dalla statura dei giganti”. Aspettiamo i vostri nonni (e anche voi) ai prossimi appuntamenti!


Maria Chiara

bottom of page