Progetto COME A CASA: costruiamo comunità educante



La Capitani Coraggiosi è partner del progetto COME A CASA, di cui la cooperativa “Il Faro” è titolare: un intervento a favore dei bambini autistici e delle loro famiglie.

Lo scopo dell’iniziativa è quello di aumentare il benessere dei destinatari e di sensibilizzare la comunità educante sulle condizioni di vita delle persone con spettro autistico.

Nel mese di aprile, dedicato all’autismo, sono stati organizzati, in sinergia con l’associazione “Omphalos”, due incontri conviviali-formativi con lo scopo di costruire una rete capace di riconoscere ed accettare le “diverse abilità”. Di seguito il racconto dell’educatrice Ilaria.

“Le date del 2 e del 5 aprile sono state teatro di eventi a sostegno della sensibilizzazione sull'autismo. In particolare il 2 aprile al cinema Margherita, sito a Cupra Marittima; è stata una programmazione totalmente dedicata alle famiglie con bambini affetti da autismo, grazie alla proiezione del film "Il lupo e il Leone" con il sistema "AUTISM FRIENDLY". L'atmosfera delle luci, il poter essere liberi di girare all'interno della sala e il volume adatto all'ambiente hanno permesso alle famiglie di godersi un pomeriggio con i loro tesori. Al termine della programmazione molte mamme hanno voluto ringraziare le persone che hanno organizzato questo evento così importante per loro, alcune con commozione, altre con un sorriso contagioso, altre ancora hanno chiesto la possibilità di organizzare un altro evento così. Il 5 aprile il cinema Margherita ha proiettato il film "Sul sentiero blu", un documentario che tratta la storia di un gruppo di ragazzi autistici che percorre la via Franchigia insieme ai loro educatori. Viene narrata una storia, una sfida, un'impresa che questi ragazzi così abitudinari, ma straordinari, hanno vissuto. Si "spogliano" delle loro paure, delle loro ansie, delle loro preoccupazioni grazie ad un percorso lungo, vissuto con figure professionali (psicologi, educatori…) che li hanno portati a compiere un vero e proprio "miracolo".

Importanti gli ospiti presenti in questa serata: il presidente del CAI (club alpino italiano) della città di San Benedetto del Tronto, il presidente del CAI di Val Vibrata, la presidentessa dell'ANFFAS. Al termine della visione, c'è stato un confronto tra le varie realtà presenti nella sala e da subito si percepiva commozione mista a gratitudine con la volontà, una volta usciti da lì, di creare più occasioni per questi ragazzi, come quelle visionate nel documentario. Un grazie speciale va alle cooperative "Il Faro", "Omphalos" e "Capitani Coraggiosi" per aver organizzato queste giornate così importanti e commoventi allo stesso momento”.


43 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti